• Facebook Social Icon
IL SISTEMA PERIMETRALE
Il funzionamento del sistema automatico di disinfestazione dalle zanzare, pappataci mosche ed animali striscianti MSP è decisamente semplice ma molto efficace.
Entra in funzione 2 volte al giorno, all'alba e al tramonto, cioè nei periodi in cui le zanzare hanno la loro maggiore attività. Per 60 secondi ogni volta dai nebulizzatori, posti sul perimetro della zona da difendere, esce una fitta nebbiolina composta da acqua ed insetticida naturale a base di piretro appositamente miscelati dalla centralina elettronica. Il prodotto si diffonde e si posa nei luoghi prediletti dalle zanzare quali siepi o ristagni d'acqua. Ciò è sufficiente a proteggerci per tutto il resto della giornata. Si consiglia l'uso del piretro naturale perchè questo si degrada con la luce del sole e l'aria in poco tempo circa 10 ore non lascia residui. E quando questo succede noi interveniamo con un altro minuto di nebulizzazione che ci permette di avere sempre una difesa attiva Tutto il sistema una volta installato risulta perfettamente integrato nell'ambiente e praticamente invisibile.
IL CUORE DEL SISTEMA: LA CENTRALINA

Il cuore dell'impianto perimetrale anti zanzare a nebulizzazione è senza dubbio la centralina. Essa abbisogna solamente di acqua ed energia elettrica.

Qui avviene la miscelazione del principio attivo con l'acqua. Il prodotto ottenuto viene poi immesso a pressione nei tubi, attraverso i quali raggiunge gli ugelli per poi uscire e spargersi all'esterno.

Può contenere anche 2 serbatoi e 2 prodotti con programmi di nebulizzazione diversi.

E' costruita con materiali di alta qualità (acciaio verniciato) per una ottima resistenza alle intemperie proprio perché potremmo doverla posizionare all'esterno.

Al suo interno troviamo il cervello dell'impianto, cioè la scheda elettronica.

Questa controlla tutto; dalla miscelazione nelle dosi corrette, alla giusta pressione del circuito, al tempo di nebulizzazione.

Su di essa i nostri tecnici possono comunque intervenire per effettuare gli interventi atti ad adattare le funzioni alla zona da proteggere.

GLI  UGELLI

Gli ugelli sono anch'essi un elemento importantissimo dell'impianto antizanzare.

Da essi infatti dipende la giusta distribuzione del principio attivo e quindi del risultato finale.

Per questo vengono realizzati con materiali che li rendono idonei a resistere agli agenti atmosferici e a mantenere la nebulizzazione costante nel tempo. Uguale attenzione viene posta nel realizzare tutti gli altri componenti sottoposti anch'essi all'azione degli agenti atmosferici quali tubi e raccordi.

Gli ugelli possono essere posizionati in qualsiasi luogo ed a qualsiasi altezza da noi ritenuta idonea utilizzando degli utilissimi supporti

Dopo il loro posizionamento risulteranno essere praticamente invisibili.

LA NEBULIZZAZIONE

La corretta nebulizzazione del prodotto risulta fondamentale per ottenere ciò che ci siamo prefissati, cioè l'eliminazione delle zanzare o dei pappataci o delle mosche dal giardino.

Dal loro corretto funzionamento dipende la distribuzione del prodotto anti zanzare e quindi la qualità del risultato finale.

Le zanzare preferiscono 'attivarsi' nelle ore mattutine, prima del tramonto e riposare nelle ore calde della giornata.

Risultano essere sufficienti 2 cicli di nebulizzazione al giorno se fatti proprio in concomitanza di questi periodi per avere la massima protezione per tutta la giornata.

Eventualmente dovesse rendersi necessario, possiamo anche inserire un ciclo con un prodotto tipo la citronella che allontana gli insetti durante il giorno ed è naturale al 100%.